Dolce ma agguerrita con Emporio Armani

La casa di moda italiana ha presentato una collezione sobria e dalle forti dualità, dove delicatezza e grinta si sono fuse per dare vita ad abiti tanto eleganti quanto accattivanti.
Immagine anteprima YouTube

È stata all’insegna delle dicotomie impossibili la sfilata di Emporio Armani. Sulle passerelle della Milano Fashion Week, infatti, dolcezza e grinta si sono fuse dando vita ad una collezione tanto femminile quanto caparbia. Vestiti dai colori del rosa e stampe a fiori si sono perfettamente integrati con gonne dalla cortezza vertiginosa, foulard rigidi annodati al collo e stivaletti dalla punta aperta.

DONNE CHE OSANO
«In un momento in cui si esagera io ho preferito non farlo», così Giorgio Armani ha presentato la sua collezione primavera estate 2016. Tuttavia gli abiti che hanno sfilato sono ricchi di novità, già a partire dai colori. Dal rosa pallido al corallo, passando dalla cannella, queste tinte hanno dato una femminilità intensa ad abiti più duri come le gonne corte e asimmetriche, gli abiti leggeri e fluttuanti, i bermuda e gli shorts portati con le giacchine boxy con motivi di fiori grafici termosaldati. «A mio modo è una collezione più ricca del solito. La gente è disorientata: giovani e vecchie leve suggeriscono in modo sbagliato. Più che déjà vu è tutto déjà’ copié, tutto è copiato», ha incalzato lo stilista. Ma quelle di Armani sono donne che osano. Figure femminili sicure di sé e con lo spiccato gusto per la moda e l’abbinamento, anche un po’ azzardato ma mai kitsch, degli abiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*