Sono creativo e mi vesto rilassato

Bottega Veneta porta in passerella uno stile urbano disinvolto che unisce elementi formali e l'utilitarismo degli abiti da lavoro manuale. Tute, felpe, ciabatte e borse a zaino. Ecco il video della sfilata.

Milan Fashion Week: Bottega Veneta

Faccio un mestiere creativo e mi vesto come mi pare. Sembra questo il mood della collezione primavera/estate 2016 Bottega Veneta. Uno stile urbano disinvolto che unisce elementi formali e borghesi con l’utilitarismo degli abiti da lavoro manuale e la confortevole funzionalità dello sport. Tomas Maier, direttore creativo della maison, immagina un uomo molto rilassato, sempre in tuta e felpa, sandali a ciabatta incrociata, pantaloni aderenti ma comodi da schermidore appena sceso dalla pedana. Tutto è molto raffinato ma funzionale, dai giubbotti in patchwork di cotone rigato ai pantaloni in camoscio che sembra jersey, dai completi di cupro a righe che paiono tagliati nella simil-seta delle vecchie fodere, ai leggeri bomber pastello trapuntati. Si continua tra cotoni in chiaro verde militare e maglieria sabbia, blazer ocra, calzoni rossi e completi pervinca fintamente casual, senza dimenticare le nuove borse a zaino che combinano pelle canestrata e nylon.

Immagine anteprima YouTube
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Etichetta, Fashion, Milano, Sfilate, Shopping, Stile, Tendenza Argomenti: , , Data: 22-06-2015 03:17 PM


Lascia un Commento

*