Compleanni

Le 50 sfumature di glamour di Sarah

di Enrico Matzeu
Il mezzo secolo di Carrie attraverso gli abiti da sogno che ha sfoggiato negli anni.

Sarah Jessica Parker festeggia cinquant’anni. Quella che tutto il mondo ha imparato a conoscere come Carrie Bradshaw, nel celebre telefilm Sex and the City, il 25 marzo è entrata nel magico mondo delle 50enni. Un traguardo importante per lei che ha iniziato la sua carriera giovanissima nel musical di Brodway, Annie, per poi debuttare in tivù nel 1982 con il film My Body, My Child. Dopo svariate pellicole, però, è nel 1998 che la sua fama diventa planetaria grazie al ruolo di Carrie nella serie di HBO. Giornalista alle prese con il sesso, la moda e la società newyorchese, nell’immaginario di tutti, il volto della Parker è indissolubilmente legato a quello della modaiola Bradshaw.

Sarah Jessica Parker con lo stilista Alexander McQueen al Met Gala di New York nel 2006.

Sarah Jessica Parker con lo stilista Alexander McQueen al Met Gala di New York nel 2006.

SARAH LA FASHION VICTIM
È proprio in quel telefilm che nasce anche nell’attrice la passione per gli abiti, per il glamour, ma soprattutto per i grandi stilisti. Uno su tutti è Alexander McQueen, di cui Sarah, oltre che musa era anche grande amica. Iconico rimane lo scatto dello stilista assieme all’attrice al Met Gala del 2006, dove entrambi, mano nella mano, si presentarono sul red carpet con un look in tartan rosso, in omaggio alla Scozia. Indimenticabili anche le immagini del funerale di McQueen, dove la Parker era commossa ma impeccabile, con indosso una delle creazioni del compianto designer. Ogni tappeto rosso, poi, è per lei l’occasione giusta per indossare uno di quei mirabolanti abiti da sogno, che ama sempre coordinare con un’acconciatura invidiatissima.


STILE DA GRANDI OCCASIONI
Questo importante traguardo è l’occasione ideale per fare un bilancio degli abiti più spettacolari che Sarah Jessica Parker ha indossato nelle occasioni più svariate. Che sia la presentazione di un film o un evento di beneficenza, il gown dress, come lo chiamano gli americani, è d’obbligo, meglio se voluminoso e abbondante. In ordine di tempo, l’ultimo abito da ballo che ha indossato, è stato un trionfo di taffetà in bianco e nero firmato Oscar de la Renta, con tanto di vistoso strascico, scelto per l’imperdibile Met Gala a New York nel 2014. Non è passata inosservata neanche l’anno prima, sempre al Met Ball, con una creazione di Giles Deacon, colorata da una fantasia astratta, e portata con un vistosissimo copricapo di Philip Treacy, in perfetta sintonia con il tema punk della serata. Che sia nero e arricciato sul fondo o rosa e bianco, il taffetà è sicuramente uno dei tessuti prediletti dalla Parker, che sa indossare con eleganza e una certa ricercatezza.


LA PASSIONE PER I LONG DRESS
Anche il voile e l’organza non mancano nel guardaroba delle grandi occasioni della bionda attrice americana, meglio se su abiti lunghi e dritti, con fantasie eteree e floreali. Negli anni è riuscita perfettamente a interpretare la poesia e il romanticismo dei raffinati abiti firmati Valentino o dei pepli fiorati di Dior Couture. Porta i long dress con spigliatezza e li preferisce più morbidi dalla vita in giù, meglio se sbiechi o plissettati, così da poterci giocare con sensuali movenze durante le foto di rito. Ogni abito, poi, è corredato da accessori e gioielli sempre di tendenza, mentre sul suo volto il make up tende sempre a marcarle e illuminarle gli occhi. Con grandi risultati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*