Stile

Comfort vintage

di Enrico Matzeu
La Settimana della moda di Parigi in 5 tendenze. Dal velluto allo stile retrò. Con un pizzico di dark.

Spetta a Parigi, come tradizione, chiudere il mese della moda donna con le collezioni per l’autunno/inverno 2015-16. La fashion week più lunga per eccellenza che ha visto sfilare moltissimi brand del glamour francese ma anche diversi stilisti internazionali che scelgono la città della Tour Eiffel per presentare le proprie creazioni. Come gli italiani Valentino, Giambattista Valli e Miu Miu. Tra le tendenze proposte dai defilé d’Oltralpe, i completi blusa-pantalone o i giacchini di diverse fogge e lunghezze, propongono una sartorialità tradizionale con molte variazioni sul tema. Il velluto torna protagonista per look dal sapore dark con qualche influsso gotico qua e là, mentre gli stilisti sembrano avere un occhio di riguardo per le taglie morbide, con abiti insolitamente abbondanti e confortevoli. Inoltre molti di loro sono nostalgici e guardano ai trend del passato come linfa per i gusti del presente.

Da sinistra verso destra: Giambattista Valli, Saint Laurent e Chloé, collezioni autunno/inverno 2015-16.

Da sinistra: Giambattista Valli, Saint Laurent e Chloé, collezioni autunno/inverno 2015-16.

IL VINTAGE È DI MODA
In alcuni casi si può parlare di vero e proprio vintage o quanto meno di una particolare attenzione alle linee e alle stampe di ieri. Giambattista Valli, ad esempio, sceglie dei motivi ondulati Anni ’60 per completi fatti di lunghe casacche e pantaloni a zampa, mentre Chloé punta agli Anni ’70 con salopette a palazzo e camiciole svolazzanti in seta color cipria. Da Saint Laurent, Hedi Slimane rimane legato agli Anni ’80, con abitini rigonfi di tulle e abbinati a giacchini in pelle, che riportano subito ai dancefloor. Da Comme des Garçons gli oufit ricordano per certi versi gli Anni ’30, con giacche e bombette retrò. Pescano dal passato anche Nina Ricci, Haider Ackermann e Vivienne Westwood.

Da sinistra verso destra: Stella McCartney, Sacai e Kenzo, collezioni autunno/inverno 2015-16.

Da sinistra: Stella McCartney, Sacai e Kenzo, collezioni autunno/inverno 2015-16.

IL COMFORT NEL GUARDAROBA
Morbidezza è poi la parola d’ordine per i prossimi freddi, con una serie di outfit che avvolgono e ammorbidiscono ogni linea. Stella McCartney disegna degli abiti tuta in lana da indossare con giacche dal taglio irregolare. Da Sacai i giubbini, invece, sono in pelle matelassé, portati abbondanti e strutturati. Hanno un profilo tecnico, poi, i poncho di Kenzo, neri e portati sopra a gonnelloni abbondanti e a più strati, che incarnano perfettamente lo stile urbano. Linee fluide e decisamente comode, tra cappotti oversize e mantelle, anche da Céline, Chloé e Balenciaga.

Da sinistra verso destra: John Galliano, Balenciaga e Comme des Garçons, collezioni autunno/inverno 2015-16.

Da sinistra: John Galliano, Balenciaga e Comme des Garçons, collezioni autunno/inverno 2015-16.

GIACCA EVERGREEN
È la giacca però il capo più amato dagli stilisti, che recuperano in diverse forme e lunghezze, soprattutto reinventandola con materiali di ogni tipo. Da John Galliano, ad esempio, sono tessuti lavorati con geometrie cangianti sull’oro ad animare i giacchini corti e composti, mentre da Balenciaga non mancano le intramontabili maniche a uovo per giacche bombate che sembrano tenute assieme da vistose graffette. Da Comme des Garçons i blazer sono lineari, puliti e bordati di bianco. Vengono interpretati poi in stili diversi tra di loro da Givenchy, Kenzo e Nina Ricci.

Da sinistra verso destra: Givenchy, Celine e Valentino, collezioni autunno/inverno 2015-16.

Da sinistra: Givenchy, Celine e Valentino, collezioni autunno/inverno 2015-16.

IL VELLUTO MULTIUSO
Il velluto torna a popolare il guardaroba. Che venga usato per dettagli o per interi abiti, il suo morbido tatto e la sua luminosità hanno attratto i designer che l’hanno proposto come antidoto glamour ai prossimi freddi. Givenchy lo usa per le lunghe vesti cangianti delle sue donne di stile vittoriano, mentre da Céline è utilizzato nelle lunghe e ampie sottane, abbinato a tessuti tecnici. Da Valentino, invece, è nero e lussuoso nei pepli indossati con lunghi stivali in pendant. Il velluto riesce a trovare così una sua identità quotidiana, nonostante l’opulenza che lo caratterizza.

Da sinistra verso destra: Elie Saab, Emanuel Ungaro e Maison Margiela, collezioni autunno/inverno 2015-16.

Da sinistra verso destra: Elie Saab, Emanuel Ungaro e Maison Margiela, collezioni autunno/inverno 2015-16.

IL LATO OSCURO DELLA MODA
Tra le varie maison serpeggia poi un allure dark, che tinge tutto di nero, con ispirazioni a tratti gotiche. Da Emanuel Ungaro il nero è il colore elegante per eccellenza e si impossessa di bluse audaci e longuette sbieche, per outfit resi unici da un make up marcato e da accessori in pelliccia. Il pelo arricchisce anche i completi di Elie Saab, che rendono ogni donna decisamente sexy. Il debutto di John Galliano da Maison Margiela, riporta in passerella look decisi con gilet in pelliccia e rossetti marcati. Il total black domina anche da Valentino, Mugler e Comme des Garçons.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*