Truffe

Arrestata la banda dei re delle clonazioni

Hanno truffato centinaia di turisti nel centro di Roma intercettando i dati informatici delle carte di credito ai bancomat. Sette in manette e altri 15 denunciati in stato di libertà.
I carabinieri di Roma hanno

I carabinieri di Roma hanno arrestato sette persone e denunciato in stato di libertà altre 15 , che facevano parte di una banda specializzata nella clonazione di carte di credito.

Hanno truffato centinaia di turisti nel centro di Roma e, secondo gli investigatori, gestivano un “giro d’affari” di circa 100 mila euro al giorno. Il tutto clonando carte di credito ai bancomat più frequentati del centro città. Ma il loro business è stato fermato dai carabinieri che hanno arrestato 7 persone e denunciato in stato di libertà altre 15, tra Italia e Bulgaria, che facevano parte di una associazione a delinquere specializzata nella clonazione di carte di credito e nell’intercettazione abusiva di dati informatici.
GLI ARRESTI DEL 2012
Ventuno persone, colte in flagrante, erano già state arrestate, nel 2012, nell’ambito della medesima operazione, chiamata Dolly card.
La clonazione delle carte avveniva per mezzo della manomissione degli sportelli Bancomat.
A eseguire gli arresti, disposti dal gip del Tribunale di Roma, sono stati i carabinieri del Comando antifalsificazione monetaria e della compagnia di Roma Centro, in collaborazione con Europol e con Sans, Servizio di sicurezza nazionale della Bulgaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*