Tendenze

Il quadro? Lo indosso

di Brunella Arena
Per la prossima stagione le griffe hanno fatto dei tessuti la base su cui imprimere paesaggi, stampe e tele per un effetto art addicted di grande moda.
Le pennellate di Chanel

Le pennellate di Chanel

Primavera, tempo di grandi pulizie, cambio abiti negli armadi per l’arrivo dei primi caldi e tempo di.. vernissage! Sì, avete capito bene, proprio vernissage, la consueta inaugurazione delle mostre di arte, ma le tele, quest’anno sono gli abiti delle collezioni primavera/estate 2014. Nomi italiani e internazionali della moda hanno fatto dei propri tessuti la base di partenza su cui imprimere paesaggi, stampe e quadri per un effetto art addicted che non lascia fuori nessuna corrente: impressionisti, vedute e paesaggi, arte antica e moderna, si alternano per restituire la passione e l’amore per forme, colori e soggetti.
DA PICASSO A GAUGUIN
Volti a metà tra un Picasso ingentilito e il grafismo sottile di Modigliani per le bluse di Antonio Marras, il bianco e il nero, sfumati, ai bordi si accompagnano a un rosa shocking per un look femminile e di grande effetto.
C’è chiaramente Gauguin, e la sua tanto amata Tahiti, nelle gonne di Aquilano.
Rimondi, i colori sono brillanti e compatti, i tratti decisi, i tessuti si prestano a far risaltare le forme e le consistenze dei corpi, a sensazione è quella di osservare una tela.
Chanel rompe gli schemi e, alle figure facilmente percepibili preferisce le pennellate singole, corposi tratti di colori impressi sugli outfit a raccontare l’intera scala Pantone, per una vivace esplosione di tonalità.
LE VIP FANNO TENDENZA
Un modo diverso di esporre l’arte, che la sposta dalle pareti dei musei o delle gallerie alle passerelle e alle vetrine dei negozi, sempre di mostrare si tratta. E alla passione per i colori e le forme non si sottraggono di certo le celebrities, come dimostrano, tra le altre, la cantante Lily Allen e l’attrice Jennifer Hudson: maglia che richiama le impressioni di Claude Monet per la cantante inglese, pochi tocchi dai colori tenui, sapientemente accoppiati; mentre l’attrice statunitense punta all’astrattismo con un abito che richiama Mondrian e la sua passione per i colori primari: giallo, rosso e blu, abbinati al bianco e al nero.
SHOPPING PER TUTTE LE TASCHE
Grandi case di moda, come marchi low price, propongono la tendenza di primavera declinata nelle forme più diverse e adatta a tutti i gusti: da H&M arrivano abiti stretch con pennellate decise e multicolor, la scelta della policromia vale anche per Cedric Charlier e le sue proposte ispirate all’arte di Pollock: schizzi e gocce in un turbine di colore.
Piccole pennellate nere, tratteggiate quasi in punta, si stampano sulle maglie oversize di Mango: nero e bianco, essenziale e di grande stile.
Vivienne Westwood si ispira all’arte di Klimt, fiori scintillanti si imprimono su abiti dalla linea leggermente ad uovo.
Patriottici Dolce&Gabbana che, rimandando all’arte antica, stampano sui loro outfit capricci, templi e rovine romane, per una sorta di tributo al classicismo e alla nostra storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion Argomenti: , , Data: 21-03-2014 12:30 PM


Lascia un Commento

*