Tendenze

Femminista e molto comoda

di Enrico Matzeu
Calzettoni, gonne a pieghe, toni naturali. Milano Moda Donna reinterpreta gli anni Settanta.
Gucci. Collezione autunno/inverno 2014-15.

Gucci. Collezione autunno/inverno 2014-15.

Dopo New York e Londra, la moda passa per Milano, puntuale come sempre, con le proposte autunno/inverno 2014-15 dei grandi nomi del Made in Italy e non solo. La settimana della moda milanese, in calendario dal 19 al 24 febbraio, vedrà oltre 170 tra sfilate e presentazioni con tutte le novità degli stilisti più affermati e dei nuovi brand che si affacciano nel fashion system, pronti a essere osservati da buyer e giornalisti. LetteraDonna.it vi racconta le tendenze lanciate dalle griffe più note per il prossimo inverno
GUCCI
L’ispirazione per Gucci arriva dagli Anni Sessanta, nei colori e nelle forme. La palette scelta da Frida Giannini, infatti, è fatta di tinte pastello che vanno dal verde pisello alla carta da zucchero, passando per il rosa cipria e il giallo ocra, con incursioni animalier su cappottini e stivali. Gli abitini sono corti e sagomati, fatti di gonnelline a pieghe e inserti in nappa, mentre i cappotti hanno l’apertura laterale e sono ricchi di taschini e bottoni. La donna Gucci, poi, ama indossare completi tinta unita con giacche fascianti e pantaloni dritti, portati con pellicciotti a pelo lungo, rigorosamente en pendant. Zip e dettagli glam rendono la collezione assolutamente contemporanea e tra gli accessori gli stivali sono squadrati, mentre le borse sono maxi oppure a tracolla, portate sulla spalla con una nonchalance tutta retrò.
ALBERTA FERRETTI  
Un bosco incantato sarebbe lo scenario ideale per la sfilata di Alberta Ferretti, che veste le sue donne di angora, alpaca sfrangiata e piume, tante piume, che impreziosiscono mini abiti e maxi cappotti. Giacche e tubini sono in taffetà stropicciato che per consistenza e colore ricordano le cortecce degli alberi, mentre i vestitini, con maniche a tre quarti hanno raffigurazioni di uccelli e stampe dalle atmosfere bucoliche. Alla lana e alla maglieria si alternano abiti-sottoveste quasi impalpabili, impreziositi da dettagli di leggerissimo pizzo o da piume ton sur ton. I colori vanno dal verde bosco al rosso mattone, con incursioni di marrone e nero sul finale per i voluminosi abiti lunghi. I sandali, che si intrecciano sulle caviglie, sono portati con i calzini lunghi fino ai polpacci e le borse bauletto rigorosamente a mano.
N°21
La linea disegnata da Alessandro Dell’Acqua mixa come tradizione gusti e stili. Lunghi abiti color cammello si alternano a tubini glitterati con stampe floreali decisamente accollati e con la manichina corta. Glitter anche nei pantaloni morbidi e lunghi sino a sopra le scarpe, abbinati a maglioni in mohair melange per un contrasto materico deciso. Gonne di piume e dettagli frizzanti vengono smorzati da cappotti in panno dalle linee rigorose, mentre le pellicce hanno intarsi in lana o ricami preziosi, gli stessi che troviamo nei pantaloni o nelle casacche di velluto, abbinate a gonne di voile trasparenti. Dal cammello al verde marcio, con incursioni di grigio e nero, i colori sono decisamente autunnali, per una collezione classica, ma dal sapore sperimentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*