milano p/e 2014

Le ragazze per bene di Emporio Armani

di Enrico Matzeu
Indossano giacchini corti e sagomati o fatti in bouclè tridimensionale, che scivolano sul corpo, come i pantaloni, ricchi di pence.
Emporio Armani, collezione primavera/estate 2014.

Emporio Armani, collezione primavera/estate 2014.

Milano, 20 settembre. La collezione Emporio Armani è come sempre complessa, fatta di molti outfit e stili diversi, che si amalgamano perfettamente tra loro. Per la primavera/estate 2014 la donna pensata da Armani è una ragazza per bene, che indossa giacchini corti e sagomati o fatti in bouclè tridimensionale, che scivolano sul corpo, come i pantaloni, ricchi di pence, che arrivano alla caviglia. I vestiti, in raso di seta o in morbido chiffon sono portati con collant che sembrano una seconda pelle e che propongono un effetto quasi marmorizzato. Le giacche si fanno, poi, più lunghe e si aprono a coda di rondine, i bottoni scompaiono, così come i revers, nella tradizione sartoriale del brand. Stampe a fiori dai colori tenui, quasi sbiaditi, si alternano agli uniti e agli scozzesi grigi, da donna in carriera, per tailleur pantalone ideali per il lavoro in ufficio. È la volta poi di completi in raso a righe ton sur ton, effetto pigiama, e di spolverini portati aperti. Le nuance vanno dal grigio al polvere, passando per il verde bottiglia e il lilla, che spesso si mescolano in tessuti drappeggiati per effetti cangianti davvero suggestivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*