Milano p/e 2014

Lo stile anticonformista di Moschino

di Enrico Matzeu
Gonne a ruota, giacche lunghe, catene dorate. Per un glamour Anni Sessanta
Moschino, collezione primavera/estate 2014.

Moschino, collezione primavera/estate 2014.

Milano, 21 settembre. La sfilata di Moschino si apre con un omaggio alla maison, che festeggia quest’anno i trent’anni di carriera e la direttrice creativa Rossella Jardini ha deciso di far scendere in passerella alcuni dei pezzi più iconici creati negli anni dal fondatore del brand Franco Moschino.
Dai cappelli fatti di orsetti di peluche alle canotte tricolore, lo stile anticonformista tipico dello stilista è stato rappresentato al meglio. Poi in passerella le modelle arrivano in coppia, indossando la collezione pensata per la primavera/estate 2014. Il profilo è bon-ton, accompagnato da un po’ di irriverenza, come gli outfit che ricordano suore o cameriere.
Gonne a ruota, leggermente bombate, giacchini che si allungano fino alle cosce, guarniti di catene dorate e abiti dal glamour Anni Sessanta. Fiori e pois rossi si disegnano su sfondo bianco, per tubini e gonne in taffetà dal gusto retrò. Non mancano i bianchi e neri, che colorano abiti in pizzo e outfit audaci, dove le giacche sono portate aperte, lasciando poco spazio all’immaginazione. Ruches e balze adornano, infine, abitini dal sapore romantico color champagne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*