MILANO P/E 2014

L'allure Anni '20 di Roberto Cavalli

di Enrico Matzeu
Colori tenui, giubbini coccodrillo e dettagli sexy. Su abiti e accessori.
Roberto Cavalli, collezione primavera/estate 2014.

Roberto Cavalli, collezione primavera/estate 2014.

Milano, 21 settembre. La passerella di Roberto Cavalli riporta la mente al glamour degli Anni ’20, così come l’intera collezione per la primavera/estate 2014. Lo stile retrò viene rivisitato in chiave moderna, nei giacchini in coccodrillo argento o serpentati, portati con camiciole in seta e pantaloni rimborsati sul fondo dalle texture indefinite.
Abiti lunghi, dei veri e propri caftani leggeri, fatti di balze e motivi diagonali, si alternano ad outfit grintosi, dove il blazer e le giacche in pelle la fanno da padroni.
I colori stupiscono e rompono gli schemi tradizionali dello stilista fiorentino, che per questa volta ha lasciato da parte i toni accesi, preferendo colori tenui, come il panna, l’avorio, il beige, ma anche il rosa cipria, il verde menta e il grigio polvere. Alcune di queste nuance sfumano tra loro una dentro l’altra nei lunghi abiti da sera impreziositi da microcristalli e portati con stole di pelliccia appoggiate sulla spalla.
Pantaloni, gonne e miniabiti riportano stampe foulard, mixano la maglia al pizzo e giocano sulle sovrapposizioni di materiali di diverse consistenze. Tra i dettagli si notano frange e nappine, che si ripetono anche sulle borse, secchielli cilindrici portati a mano, in argento, verde acqua, nero e panna. I sandali sono leggeri e fatti di fili che si intrecciano fino alla caviglia o per le più audaci sino al ginocchio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*