Milano P/E 2014

I murales femministi di Prada

di Enrico Matzeu
La street art si mostra su abiti, gonne e cappotti. Un nuovo trionfo per Miuccia.
Prada, collezione primavera/estate 2014.

Prada, collezione primavera/estate 2014.

Milano, 19 febbraio. La donna Prada per la primavera/estate 2014 spezza la monotonia del nero con stampe e dettagli colorati, su abiti sagomati dal sapore vintage.
In passerella scendono una serie di tubini al ginocchio con intarsi colorati o dettagli sagomati. Miuccia Prada ama le mezze stagioni e propone una serie di cappottini in panno o pelliccia multicolor, arricchiti da strass e intarsi in plexi.
Il leitmotiv della collezione è la street art e in particolare le opere dei murales messicani, che trovano spazio, oltre che sugli allestimenti della passerella, anche sugli abiti. Gonne e cappotti infatti si tingono di volti femminili, creati per l’occasioni da sei diverse artiste, che ritraggono la donna in svariati momenti della giornata o della vita.
I colori decisi sono quelli dell’arcobaleno, che prende anch’esso forma sugli abiti. La stilista poi rivisita il reggiseno, arricchendolo di applicazioni e strass, proponendolo sopra ai cappotti o ai vesti, per una suggestione anticonformista e a tratti femminista.
L’intera collezione assume poi un tono sportivo, grazie agli scaldamuscoli in maglia a costine, che ricordano quelli usati nel tennis e che sono invece il prolungamento delle scarpe, sandali aperti dalla punta stondata.
Le borse in pelle, tutte portate a mano, sono a fisarmonica e riprendono i colori dell’outfit.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion, Foto, Gallery, Milano, Sfilate Argomenti: , , Data: 21-09-2013 10:03 AM


Lascia un Commento

*