Milano A/I 2013-14

La pulizia cromatica di Ferragamo

di Enrico Matzeu
Linee dritte e accostamenti tono su tono. Con dettagli in pelle e cavallino.

La sfilata di Salvatore Ferragamo autunno/inverno 2013-14.

Milano, 24 febbraio. Da Salvatore Ferragamo la pulizia è totale, per scelta, nelle linee e nei colori. I cappotti e le giacche hanno i profili dritti e lineari, resi però originali da asimmetrie che spuntano qua e là o da applicazioni geometriche in cavallino tono su tono.
Le gonne sono corte, così come i vestiti, in seta scivolata, con giochi i trasparenze e di tagli. I cappotti in panno o in nappa sono dritti, con i revers importanti, portati aperti o chiusi con due file di bottoni.
Unico elemento di rottura è la vernice nera, usata per qualche soprabito e un paio di dettagli.
Quasi tutti gli outfit sono monocromatici per una serie di total balck o al massimo accostamenti di nero e blu notte.
Gli accessori poi sono sofisticati, come le borse bauletto, squadrate e portate rigorosamente a mano o i sandali-stivali in pelle nera, che sono aperti sul piede, ma si allungano sino quasi al ginocchio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*