Milano A/I 2013-14

Trussardi punta all'essenziale

di Enrico Matzeu
Una collezione fatta di linee e tagli puliti. Con un occhio di riguardo ai materiali.

La sfilata di Trussardi autunno/inverno 2013-14.

Milano, 23 febbraio. Per Trussardi la donna è essenziale, pratica e sofisticata. Le linee, infatti sono dritte e i tagli quasi chirurgici, dove la pulizia, anche cromatica, prevale su tutto.
I blu, i neri, i beige e i marroni si accostano tra di loro, senza stonare mai. Le giacche e i cappotti sono dritti, spesso allacciati in vita e arricchiti da dettagli in cavallino; i completi, giacca e pantalone, sono in pelle, così come le bluse, portate al posto delle camicie. Le gonne austere sono a pieghe e arrivano al ginocchio. Essenzialità anche nelle fantasie, praticamente inesistenti, unica eccezione per i quadri con sfondo bianco o blu, che si tingono sui tubini morbidi o il maculato, per nulla aggressivo, su giacchini dal taglio basic.
Le scarpe preseriscono non esagerare: mocassini, tronchetti non troppo pronunciati e stivali fasciati in cavallino scuro, mentre le borse, maxi, sono portate a mano. Una collezione senza troppi fronzoli, che riporta l’attenzione ai materiali e alle forme, non punitive ma pulite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*