Milano A/I 2013-14

Da Blugirl il tartan sposa l'animalier

di Enrico Matzeu
Tessuti scozzesi, pizzi e paillette. Per uno stile da collegiale. Very chic.

La sfilata di Blugirl autunno/inverno 2013-14.

Milano, 21 febbraio. La donna Blugirl ama le contaminazioni e l’ispirazione, che arriva dalla Scozia, si impreziosisce presto di sfarzi in oro e velluto. Gonne tartan, in rosso e verde scuro, a pieghe o rimborsate sul fondo, portate con maglioni degradè ed extra large, da giovane collegiale.
Le gambe sono nude, quasi a sfidare il gelo, e ai piedi le modelle indossano scarponcini da montagna con calzettoni a vista. Lo scozzese si mescola presto al maculato che colora gilet e soprabiti in pelliccia, ma che ravviva anche vestitini leggeri dall’impronta bon-ton.
Non mancano i pizzi e i fiori che si alternano su camiciole svolazzanti con il collo stondato e sui lunghi abiti trasparenti. I tubini morbidi sono di paillette dorate e satinate, tenute insieme da un leggero tulle color champagne.
Sul finale arrivano poi una serie di completi scuri, dove il maculato è ton sur ton in rilievo su giacchini e pantaloni a sigaretta, indossati con scarpe basse e maschili. Filo rosso di tutta la collezione è poi il drago, ricamato in oro su giacche e cappotti, ma che ritroviamo anche nelle maxi collane dorate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*