BRILLANTI

L'età dell'oro

di ludola
Bustier, minidress. Ma anche cappotti e skinny pants. Per un inverno da vere Re Mida.
Gianbattista Valli osa con il cappotto in pelle di cocco.

Gianbattista Valli osa con il cappotto in pelle di cocco.

In tempi di crisi meglio fare investimenti sicuri. Quotazioni in rialzo, quindi, per l’oro. Bene rifugio per eccellenza, è protagonista in tutto il suo luminoso splendore delle collezioni autunno/inverno 2012-13. Usato, anche solo come dettaglio, da tutti i più grandi stilisti, questo colore conquista prepotentemente la scena, accende i riflettori su di sé e chiede tutte le attenzioni del caso (comprese le giuste accortezze per indossarlo al meglio e non correre il rischio di apparire troppo “natalizie”).
PROTAGONISTA SUL GRANDE SCHERMO
Del resto l’oro, che in antichità veniva definito come metallo del diavolo, è indissolubilmente associato alla regalità, alla fama, ed è legato a doppio filo (è proprio il caso di dirlo) alle dive del cinema, che lo hanno sfoggiato in alcune tra le pellicole più celebri del grande schermo. E se la figura di Greta Garbo nei panni, rigorosamente dorati e laminati, di Mata Hari rimane un vero faro nello stile cinematografico, altrettanto leggendario è l’opulento abito indossato da Elizabth Taylor in Cleopatra nel 1963. Un mantello che prendeva le sembianze di ali di fenice in oro 24 carati e pelle, realizzato, assieme all’iconico e faraonico copricapo, dalla costumista hollywoodiana Irene Sharaff e andato all’asta per una cifra da capogiro.
LA MUSICA E LA SUA MEDAGLIA D’ORO
Anche la musica vuole la sua medaglia d’oro e la conquista nel 1990 con l’indimenticabile corsetto in pelle gold con lacci e coppe coniche che Jean Paul Gaultier creò per una trasgressiva Madonna e il suo Blonde Ambition tour. Che le moderne Re Mida dello stile si preparino, dunque. E siano pronte a lasciarsi ispirare da mise preziose in cui il filo da seguire diventa necessariamente d’oro e crea sontuosi e opulenti ricami.

L'abito bustier nella proposta di Dolce&Gabbana.

L'abito bustier nella proposta di Dolce&Gabbana.

CE N’È PER TUTTI I GUSTI
Su abiti bustier in versione barocco siciliano (Dolce & Gabbana) o su minidress con vezzose ruches (Moschino). Anche la sera si veste di luce abbagliante con il lungo abito portato in passerella da Elie Saab: femminile e dalle linee decise, è stretto in vita da una cintura in metallo. Non è da meno Michael Kors che crea un abito in versione Golden Twenties e con intarsi in trasparenza. Anche i capi più nuovi e più trendy fanno un bagno nell’oro e diventano luminosissimi cappotti in pelle di cocco (Giambattista Valli) o abiti dai volumi over e dall’aspetto spaziale (Alexander Hercovitch). E poi ancora squame dorate (Just Cavalli), skinny pants avveneristici dall’aspetto multisfilacciato (Krizia) o micro abiti a palloncino totalmente ricamati di paillettes (Roberto Cavalli). La febbre dell’oro è appena cominciata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion, Foto, Gallery, Stile, Tendenza Argomenti: Data: 15-10-2012 11:34 AM


Lascia un Commento

*