CI PIACE CURVY

Piacciamo. Agli stressati

di Matilde Lanzetti
La curvy piace di più se l'uomo è in un momento di difficoltà. Lo rivela una ricerca britannica.

Le donne burrose sono un rimedio contro lo stress e la depressione. Con il risultato di questa ricerca si apre un dibattito, ne sono certa. I ricercatori dell’Università di Newcastle, guidati dal neuroscienziato Martin Tovee, hanno scoperto che più aumenta lo stress più l’uomo tende ad apprezzare le donne con curve generose, abbondanti.
VOLONTARI “STRESSATI”
La sperimentazione ha coinvolto 81 volontari, la metà dei quali sono stati sottoposti ripetutamente ad eventi stressanti, tra cui un finto colloquio di lavoro, incombenze economiche e condizioni sociali penalizzanti. A entrambi i gruppi partecipanti sono state mostrate fotografie di corpi femminili di varie conformazioni fisiche, dalla modella, alla donna super skinny, alla formosa, a quella in evidente sovrappeso. I risultati sono stati abbastanza netti: mentre il gruppo di “rilassati” preferiva in maniera monotematica le figure femminili iconiche della società, taglia 38-40, gli “stressati” optavano nettamente per dame più procaci, burrose o sovrappeso.
IDEALI E STRUTTURE SOCIALI
I ricercatori, come pubblicato sulle pagine della rivista Plos One, hanno confermato come gli ideali di bellezza siano fortemente orientati  e condizionati dalle strutture sociali in cui si formano. Così si spiegherebbe dunque l’attrattiva sessuale nei confronti delle curvy?
Nei Paesi occidentali, dove il cibo è abbondante, la donna in sovrappeso non è sinonimo di salute. Anzi, spesso il grasso è associato a consumo di cibo “cheap”, povero qualitativamente, e quindi di appartenenza a una classe socio-economica meno abbiente. Al contrario, dove il cibo scarseggia, la ciccia è sinonimo di salute e benessere.
LA FORZA DELLA MATURITÀ FISICA
Lo stesso meccanismo di associazione psicologica avviene in casi in cui il livello di stress aumenti a causa di problemi personali o legati a condizioni ambientali sfavorevoli. Gli uomini preferiscono in questo caso compagne con caratteristiche fisiche più mature, fra cui un peso superiore alla norma, associando la maturità fisica alla capacità di affrontare fasi delicate e difficili della vita.
DESTINO SEGNATO?
Apprezzo il lavoro svolto dai ricercatori inglesi, ma questi risultati, che prendo con pinze e risate, fanno storcere il naso. Il fatto di essere donzelle con le curve generose implicherebbe necessariamente l’avere il destino segnato? Vale a dire quello di fare la crocerossina e prendere qualsiasi decisione, dalla marca del latte da acquistare al tasso di mutuo agevolato per comprare casa: il mio uomo è troppo stressato per farlo e, d’altronde, mi ha scelta per la fiducia nei miei rotolini.
MA LA REALTÀ È UN’ALTRA
No, non ci siamo. Conosco ragazze, mamme e nonne dalle forme giunoniche che si sono fidanzate e sposate con bellissimi ragazzi intraprendenti e positivi. I baldi giovani hanno deciso e pianificato un futuro, portato avanti famiglie, affrontato perdite di lavoro e crisi economica, cresciuto figli. Fidandosi delle compagne volenterose, dai “generosi” sorrisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion Argomenti: , Data: 11-10-2012 04:49 PM


Una risposta a “Piacciamo. Agli stressati”

  1. _Morrigan_ scrive:

    Le donne burrose sono un rimedio contro lo stress e la depressione….mah…leggo molto pensieri su questa (falsa) riga, le donne burrose (e mi annovero nel club) sono morbide, ed è uno stereotipo comune che abbiano anche la classica Santa Pazienza…non ci siamo, hai ragione da vendere, leggo e rileggo l’articolo, e mi viene da pensare ”ma quanto ancora dovremo urlare, prima di far capire che che non è un marchio, che non implica necessariamente questo e quello e quell’altro”…di certo, un sorriso è un rimedio contro la depressione, ascoltare, ascoltarsi, non parlarsi addosso sono rimedi che funzionano.
    Brava Matilde! Continua così :)
    _Morrigan_

Lascia un Commento

*