SFILATE MILANO P/E 2013

I pizzi barocchi di Roberto Cavalli

di Enrico Matzeu
Una collezione di trasparenze, spacchi, disegni astratti e fantasie animalier.

La sfilata di Roberto Cavalli primavera/estate 2013.

Milano, 24 settembre. Da Roberto Cavalli il protagonista è il pizzo, elaborato e ricamato. Lo troviamo nei lunghi abiti aderenti e nelle bluse che arrivano al ginocchio, ma anche nei pantaloni, dove le trasparenze sono date anche dal voile. I colori partono tenui, con il bianco e l’ecrù in prima linea e si fanno via via più cupi, con il nero e il grigio che tingono le fantasie in seta dall’allure decisamente barocca. Gli arabeschi si mescolano a disegni astratti e si intersecano alle fantasie animalier, tanto amate dallo stilista fiorentino. I completi hanno i blazer con spalline strutturate e i pantaloni a palazzo, mentre gli abiti, trasparenti e lunghi fino ai piedi si aprono in spacchi e frange decisamente seducenti. Lo chiffon nero è illuminato da ricami in microcristalli, che regalano lucentezza e la sofisticata opulenza, la firma di Roberto Cavalli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*