MISS ITALIA 2012

Pochi lustrini e qualche curva in più

di Matilde Lanzetti
La prima serata consegna la fascia dell'integrazione e delle forme morbide. In uno show sobrio, all'insegna dell'austherity. Come agli esordi, nel 1946.
Sonia Di Palma è Miss Forme morbide 2012.

Sonia Di Palma è Miss Forme morbide 2012.

È la notte in cui Montecatini Terme incoronerà la più bella del reame italico, Miss Italia. Il concorso, giunto alla sua 73esima edizione, è senza dubbio la gara di bellezza per eccellenza. E per molte rappresenta un concreto trampolino di lancio.
COME L’EDIZIONE DI ESORDIO
Miss Italia 2012, come l’edizione d’esordio nel 1946: uno show sobrio, con pochi lustrini e poco sfarzo. Spazio all’eleganza, anche nel mostrare e promuovere la bellezza: addio bikini succinti, sì alla grazia dell’intero castigato. Insomma, positività, bellezza e sorrisi diventano necessari per rinascere dalla crisi. La parola, ormai inflazionata dal bar al tg, è comparsa più volte durante le serate e in conferenza stampa, anche per bocca del patron Patrizia Mirigliani. Le ragazze hanno dato l’impressione di conoscere bene il nostro Paese: «Le vie brevi portano a mete effimere», ha dichiarato una delle finaliste, «Spero di trovare lavoro nel mondo dello spettacolo, ma se non dovessi riuscirci, proseguirò la carriera nell’esercito».
ADDIO FRIVOLEZZA
Uno scrigno di sogni e speranze poco frivole, quello custodito dalle partecipanti, non solo belle ma anche intelligenti, colte e piene di buoni propositi. Molte, alla domanda: «Cosa ti aspetti quando le luci del Palaspecchiasol di Montecatini si spegneranno?», hanno dato risposte come: «Vorrei trovare lavoro, continuare gli studi in giurisprudenza, passare il test di fisioterapia all’Università, fare la giornalista». Che forse non ti aspetti. Certo, nessuna direbbe di volersi accasare con un calciatore milionario: risulterebbe antipatica e non votabile.
FASCIA PER L’INTEGRAZIONE
Toccherà a Federica Pellegrini incoronare la più bella delle belle, anche se qualche fascia è stata già assegnata. Nella notte del 9 settembre è stata sfoderata la coroncina dell’integrazione di Miss Italia nel mondo. Ha vinto Aylen Nail Maranges, ha 25 anni, e risiede a Ragusa, dove si e’ trasferita per amore. Lei come le altre giovani provenienti dai cinque continenti, ma che vivono, lavorano e studiano nel nostro Paese, si sono rivolte direttamente al presidente Giorgio Napolitano, affinché si adoperi per ridurre i tempi per ottenere la cittadinanza italiana.
FORME MORBIDE, MA NON TROPPO
Per il secondo anno è stata assegnata anche la fascia di Miss Forme morbide. Cara a moltissime donne italiane “normali” e lontane dalle passerelle, è stata fortemente voluta da Patrizia Mirigliani. Un titolo che dà fiducia alle donne e alle adolescenti spesso bersaglio di un messaggio di bellezza necessariamente legato a una taglia 38. Una fascia “sana”, cosí è stata ribattezzata, perché rappresentativa di uno stile di vita salutare e di un corpo armonioso, mediterraneo. Elisa D’Ospina, modella plus size italiana, ha premiato la vincitrice Sonia Di Palma, 19 anni, già Miss Roma. Pollice in su per l’idea di introdurre il titolo “rotondo”, ma qualcosa andrebbe rivisto. Sonia é bellissima, ha un corpo tonico, gambe lunghe e tornite, di certo non un fisico scheletrico, ma non é curvy. Basta guardarla per accorgersene. E se non dovesse bastare, le misure parlano chiaro: 184 centimetri di altezza e una taglia 44, cioé assolutamente normale e normopeso. Fascia promossa a metà, quindi aspettando un segnale piú incisivo con taglie 46-48 da “real curvy”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion, Persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 10-09-2012 11:36 AM


7 risposte a “Pochi lustrini e qualche curva in più”

  1. divadellecurve scrive:

    come al solito… ma la D’Ospina non si era scagliata contro la manifestazione dicendo che le misure richieste non erano propriamente curvy ora ci ripensa?

  2. Deb scrive:

    questa fascia è un passo avanti…ma comunque quello della miss in questione lo definirei più un corpo atletico che un corpo dalle forme morbide, perchè appunto l’unica diversità che ho visto rispetto alle solite miss magroline sono le cosce un po’ più muscolose, che probabilmente sono l’unico motivo per cui non entra in una 42..speriamo comunque che sia solo un passo in direzione di una vera apertura anche perchè io continuo a vedere in giro ragazze formose bellissime!

  3. Be’ direi che sono ancora lontani dal termine curvy, termine che è stato affibbiato alle ragazze più che in carne, per evitare l’etichetta FAT, grassa, dispregiativa.

    In Italia invece rivendicano il termine per “formosa”…un po’ di chiarezza no?

    La ragazza ha un fisico favoloso, non ci dovrebbero nemmeno essere le fascie, le etichette, ma questo è il mondo e non solo quello della moda.

  4. Cinzia scrive:

    Concordo con Matilde. Buona l’idea della fascia curvy, ma che sia reale. Far passare il messaggio che una ragazza alta u metro e 84 con una tg 44 sia curvy o una taglia morbida mi sembra assurdo…fateci vedere delle taglie 46, 48 che rappresentano le donne italiane per il 70% dei casi! Complimenti per l’articolo, ho letto anche la rubrica e sei simpaticissima.

  5. Matilde Lanzetti scrive:

    Va detto che almeno è un passo avanti, anche se è stata la stessa D’Ospina ad affermare che “di vere curvy nemmeno l’ombra”. Diamo il merito a Patrizia Mirigliani di aver introdotto il titolo e speriamo legga i nostri suggerimenti. Un corpo può essere armonioso e proporzionato con una morbida 46-48..su un metro e 84 poi. Da curvy quale mi definisco, e mi definiscono, sono contenta a metà, ma guardiamo il bicchiere mezzo pieno dai! Alla prossima. Matilde

  6. _Morrigan_ scrive:

    e che dire, al solito…i tuoi articoli mi piacciono tanto, sei diretta, sincera e stringata :) decisamente Miss Italia andrebbe rivisto e corretto in toto, ma si sa, il Dio Denaro incombe e che vuoi che siano una manciata di cm in più o in meno ( e buttiamola sull’ironia che è meglio) personalmente ho smesso di guardare quel tipo d’intrattenimento dopo gli ultimi anni di scandali e scandaletti, e leggendo i commenti nel web mi convinco sempre più che ho fatto bene, non ci rappresenta più, e lo farà sempre meno in futuro, sbaglio? Ben venga, sempre pronta a chiedere scusa :)
    ma a te ci sta tutto l’ennesima braverrima, continua così!

  7. valeria scrive:

    sei bravissima come sempre….

Lascia un Commento

*