ATTESO

Romeo Gigli ritorna. In Cina

di Daria Simeone
Dopo una pausa di nove anni, lo stilista ritorna. E riparte dagli inizi: la boutique Joyce di Hong Kong, che fu tra le prime a esporre le sue opere.
Due modelli di Romeo Gigli per la boutique Joyce.

Due modelli di Romeo Gigli per la boutique Joyce.

Bentornato maestro. Ma a Hong Kong, non in Italia. Lo stilista Romeo Gigli, 63 anni di cui la maggior parte passati a girare il mondo e collezionare pezzi di arte e culture lontane, è tornato a disegnare, dopo nove anni sabbatici. Ma lo ha fatto per la boutique Joyce di Hong Kong.
Allo stilista è bastata un’anteprima della sua collezione con i leggendari clienti asiatici (quelli che ancora fanno girare l’economia sopravvissuta alla recessione) e per vendere già il 75% delle sue creazioni.
FUTURO VERSO ORIENTE
Il futuro è lì, e per Romeo Gigli anche il passato. Perché quando la fama del designer italiano è esplosa a metà degli anni Ottanta, conquistando il mondo con la sua alta sartoria e le sue linee morbide come boccioli, lo storico negozio Joyce è stato uno dei primi a credere e investire in lui.  Insomma, questo è più che un ritorno. È una collaborazione magica che si nutre anche dell’amore e della conoscenza che lo stilista ha per l’arte e la cultura cinese: «Quello che conta per me e per il mio lavoro è la libertà», ha spiegato lo stilista, «e Joyce mi ha dato questa libertà». Nella collezione si riconoscono le silhouettes familiari del maestro, romantiche e illuminate dai colori e da citazioni di culture antiche, gonne tulipano, giacche floreali a forma di bozzolo, «ispirate ad un’immagine che ho nella mia mente da sempre, di una donna che esce dalla doccia avvolta in un asciugamano che scende morbidamente sulle spalle».
TESSUTI RICCHI E BROCCATI
I tessuti sono ricchi, broccati, con colori che vanno dalla sabbia, alla ruggine, dal viola al rosso fuoco, per finire su sete, lana, mohair, e pizzo: «Ho voluto sottolineare la bellezza delle donne orientali, le loro fattezze minute, le loro maniere delicate: è semplicemente questa la storia della collezione», ha proseguito ancora Romeo Gigli.  Se non avete in programma un salto ad Hong Kong (o Pechino), la collezione può essere acquistata online su eshop.joyce.com, compresi i modelli maschili che non hanno nulla da invidiare alla collezione donna. Unico avvertimento: una camicetta potrebbe costarvi quanto il viaggio andata-ritorno per Hong Kong.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion, Persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 31-07-2012 02:00 PM


Lascia un Commento

*