PASSERELLE A PARIGI

Alta moda, altissimo parterre

di Enrico Matzeu
Abiti da capogiro. Dive hollywoodiane in prima fila. E atmosfere très chic, ovunque. Nella Ville Lumière l'haute couture ha fatto centro, come sempre.

Un abito haute couture della maison Chanel.

A Parigi dal primo al 4 luglio è andata in scena l’haute couture, ovvero l’Alta moda, quella che ammalia. Sempre. Che veste le principesse e le dive sui red carpet di tutto il mondo. Che invade le passerelle con tessuti preziosi, drappeggi e cristalli.
DALLE PASSERELLE
LetteraDonna.it, a kermesse conclusa, fa il punto, raccogliendo il meglio di.
Certo, più che consigli per gli acquisti, trattatasi di suggerimenti per sognare a occhi aperti. Attività quest’ultima che, in fondo, non costa niente.
Valentino ha rinunciato alla consueta allure barocca (che tanto caratterizzava la sua Alta Moda), in favore di  uno stile più semplice e raffinato.
Stessa filosofia da Chanel Couture, che oltre ai preziosi abiti da sera, ha fatto sfilare  i suoi celebri tailleur da giorno, riletti in chiave ultra chic.

PANTALONE MOM AMOUR
Ha sorpreso il trionfo del pantalone, capo inatteso in occasioni come questa: lo abbiamo ammirato bombato nei défilé di Christian Dior, in stile neo gotico da Jean Paul Gaultier e con maxi bottoni gioiello da Maison Martin Margiela.
Non sono ovviamente mancati gli abiti da sogno, come quelli blu notte di Giorgio Armani Privé, con giochi di raso e cristalli, che hanno impreziosiosito anche le velette sopra il volto.
IL GRANDE RITORNO DI VERSACE
La maiosnVersace, tornata a sfilare nella capitale francese dopo otto anni d’assenza, ha proposto, come sempre, una donna sicura, una moderna dea avvolta in nuvole d’organza colorata.
PARTERRE DE ROI 
Ma se le passerelle hanno incantato, i parterre non sono stati da meno. Nelle prime file sono stata avvistate dive del cinema, come Sharon Stone, Diane Kruger, Milla Jovovich, Laetitia casta e Sophia Loren, socialite planetarie come Olivia Palermo e guru di eleganza come madame Inès de la Fressange.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*