EQUITAZIONE & DINTORNI

Alle inglesi, tanto di cappello

di Enrico Matzeu
Al Royal Ascot, famoso evento ippico del Regno Unito, a far parlare sono i copricapo. Come sempre.

La modella Anneka Svenska con una creazione di Hanna Marie Hutchison.

Le inglesi amano i cappelli. Li esibiscono in tutte le occasioni che contano. La loro sovrana, la Regina Elisabetta II, del resto, del copricapo ha fatto il suo segno distintivo.
Quale occasione migliore dunque, se non il Royal Ascot, patinatissimo evento ippico,  per fare sfoggio di cappelli stravaganti?
Da quasi 250 anni questo famoso happening raduna per cinque giorni (dal 19 al 23 giugno) tutti gli appassionati di cavalli, ma anche gli amanti del glamour.
E spesso l’attenzione si concentra più sulle teste delle real dame, giunte da tutto il Regno Unito per fare bella mostra di sé, che sulla parte agonistico-sportiva della kermesse.
Anche quest’anno si è visto di tutto.
Alcune, rapite da un sentimento patriottico, hanno scelto per il loro copricapo i colori della bandiera inglese. Altre si sono spinte oltre con delle vere e proprie impalcature (la modella Anneka Svenska in foto ne è la prova).
Altre ancora hanno optato per dei più originali dischi in vinile. Qualche temeraria, infine, ha trasformato il proprio cilindro in un secchiello da champagne.
E siamo soltanto all’inizio. LetteraDonna.it vi propone una gallery imperdibile tra stravaganza e inimitabile eleganza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Accessori Argomenti: , Data: 20-06-2012 04:08 PM


Lascia un Commento

*