TENDENZE AUTUNNO INVERNO 2012 2013

Vorrei la pelle nera (addosso)

di Enrico Matzeu
Nappa, vernice e coccodrillo sono stati i grandi protagonisti delle passerelle milanesi. Sul podio anche pellicce e velluti. Ecco allora come sarà la donna della prossima stagione fredda.

Francesco Scognamiglio, collezione autunno inverno 2012 2013. (Sgp.)

L’inverno 2012 – 2013 sarà la stagione della pelle. A decretarlo è stata la Settimana della moda milanese. Non c’è stato stilista, infatti, che non abbia portato in passerella una donna avvolta nella nappa o nella vernice.
Completi total black per Francesco Scognamiglio e Salvatore Ferragamo. Il primo ha scelto pantaloni e giacchini a balze, mentre il secondo ha optato per gonne, portate al ginocchio.
Sempre in pelle, ma decisamente più corte, le gonne di Moschino, abbinate a giacche matelassé, rigorosamente nere, con borchie e cerniere per un mood molto rock.
Stessa grinta anche per i tubini borchiati di Versace, leggermente svasati sul fondo.
Il coccodrillo è stato un altro grande protagonista dei défilé, proposto nero da Max Mara nei lunghi giacconi o nelle borse a tracolla, e da Fendi che, invece, l’ha scelto marrone, o color fango, per le gonne e per i dettagli di giacche e borse.
Emilio Pucci l’ha utilizzato per gonne con lo spacco o tubini con maniche in vual di seta.
Non è mancata la vernice, reinterpretata da Raf Simons per Jil Sander, in abiti drappeggiati dal sapore romantico. Completi lucidi anche per Cnc’ Costume National e per Just Cavalli.
Pelle anche per le giacche, a partire da quelle bombate di Gucci o quelle a frange di Frankie Morello. Etro, invece, le ha proposte corte e molto colorate.
RESISTE ANCHE LA PELLICCIA

Fendi, collezione autunno inverno 2012 2013. (Sgp)

Must dell’inverno che sta finendo, la pelliccia sarà protagonista anche del prossimo.
Grigia, marrone o in mongolia dai colori accesi, come il giallo e il blu elettrico, quella portata in passerella dalla maison Fendi.
Mongolia anche per Blugirl, in bianco o rosa confetto però, per i lunghi gilet, abbinati agli stivali e ai paraorecchie.
Simonetta Ravizza, che di pellicce se ne intende, l’ha proposta soprattutto in nero, per cappe e giacconi con profili in nappa nera. Dettagli in pelo anche per Missoni, nei colori miele o grigio per bordare giacche in lana o in maglia, oppure per i cappelli.
Pelliccia di astrakan, invece, per Dolce & Gabbana e per i loro giacconi dall’allure barocca.
Stesso materiale anche da Prada e da Versace, che per i lunghi cappotti si sono fatti ispirare dal viola, dall’arancio e dal giallo limone.
La pelliccia, vera o sintetica, sembra essere dunque un elemento indispensabile per la prossima stagione, da portare abbinata ad altri materiali, come la maglia o addirittura la seta, per contrasti suggestivi.
VELLUTO MON AMOUR

Emporio Armani, collezione autunno inverno 2012 2013. (Sgp).

Abbondante anche il velluto. Gucci ha optato per quello nero e fluido per gonne al ginocchio o per i dettagli delle bluse in seta trasparente.
Cappotti in velluto abbottonati fino al collo per Versace, che l’ha scelto anche in toni accessi, come il giallo, per donne molto audaci. Abiti al ginocchio per Dolce & Gabbana, dove il velluto nero è stato impreziosito da ricami in oro. Fuori dal coro invece Antonio Marras, che lo ha realizzato rosso e molto leggero per i suoi vestitini svolazzanti.
Velluto rosso anche per le giacche stondate, gli abitini e i cappottini di Emporio Armani.
VEDO E NON VEDO
Altro fil rouge delle Settimana della moda, la trasparenza. Hanno alleggerito la donna con il sensuale effetto vedo non vedo le maison Gucci ed Emilio Pucci.
John Richmond, addirtittura, ha scoperto i seni nei lunghi abiti a righe tono su tono e ha scelto camicette in organza da portare sotto ai completi bon ton.
Organza molto amata anche da Dolce & Gabbana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fashion, Sfilate, Stile, Tendenza Argomenti: Data: 27-02-2012 03:47 PM


Lascia un Commento

*