speciale sfilate donna

Max Mara e Blugirl, donne agli antipodi

di Enrico Matzeu
Stile alla Lili Marleen per il marchio milanese e bon ton chic per Anna Molinari.

Un momento della sfilata Max Mara.

Milano, 23 febbraio. Max Mara pensa a una donna padrona del suo tempo e della sua città, quindi dinamica e raffinata. Pantaloni arrotolati alla caviglia in stile paracadutista, gonne in pelle con spacchi decisi e short dal taglio sartoriale, che ricordano lo stile Bauhaus. I cappotti sono lunghi e portati aperti, per mettere in mostra le bretelle, accessorio sfizioso, assieme ai cappellini da ferrotranviere con dettagli in coccodrillo. I colori vanno dal fango al beige, passando per il nero e l’immancabile cammello, segno distintivo della griffe. Sotto le giacche magliette e vestitini a righe bianche e nere.

La stilista di Blugirl, Anna Molinari.

Milano, 23 febbraio. Righe anche per Blugirl, che propone però una donna agli antipodi, dallo stile romantico e a tratti preppy, con gonne tartan e cardigan a rombi blu, rossi e verdi. Cappotti in panno con alamari di vernice e mini gonne bon ton. Tocchi romantici invece per i completi color pastello, dove i gilet e gli stivali in mongolia la fanno da padroni. Per la sera pensata da Anna Molinari, il nero è garanzia d’eleganza, e i vestitini si riempiono di balze e paillettes luccicanti. Le borse gioiello poi faranno felici tutte le fashion

victim.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*