TENDENZE PRIMAVERA ESTATE 2012

Arriva il caldo, lucidate lo stivale

di
Sfida la calura e i luoghi comuni. Sarà il grande protagonista della prossima stagione. Alto o basso, morbido o come seconda pelle, guai a non averlo. Ed è promosso anche in spiaggia.

Le amanti delle infradito, magari super piatte, devono farsene una ragione: stivali, tronchetti e ankle boots (polacchini) ormai si indossano 12 mesi all’anno, anche a più 30 gradi. Proprio così: già da qualche anno, con buona pace di sandali e ballerine, la moda dello stivale in primavera e in estate, da portare rigorosamente a gamba nuda, ha contagiato quasi tutte. Le più coraggiose indossano gli stivali perfino in spiaggia, sotto (sotto si fa per dire) il bikini.
Unica concessione contro le temperature torride, l’open toe, ovvero quella piccola fessura a forma di oblò in punta di piede.
STIVALE 4 STAGIONI

Chanel, collezione primavera estate 2012.

Insomma, la stagione in arrivo vuole i piedi ben coperti, con tacco o senza, con zeppe altissime o suole rasoterra, non importa.
Ciò che conta davvero è avere un’allure selvaggia quanto basta.
La palette di colori varia e accontenta tutte: si va dal più classico nero ai toni del marrone e del sabbia,  fino alle tinte più accese per chi ama osare.
PASSEPARTOUT
Ma con cosa si indossano gli stivali? Praticamente con tutto: con i leggings, la gonna, la minigonna, gli shorts e le culotte (altro must di stagione) ma anche con abitini svolazzanti e impalpabili. Pare davvero che questa calzatura sia diventata un passepartout: perfetta di giorno, ideale la sera. Attenzione però: va da sé che dal buon gusto non si possa mai prescindere.
È BENE SAPERE CHE…

Custo Barcelona, collezione primavera estate 2012.

Non tutte le gambe (soprattutto nude) possono permettersi gli stivali. Ma per salvaguardare la decenza basta avere uno specchio in casa. Chi, per esempio, non ha gambe lunghe, eviti come la peste i tronchetti che, per definizione, spezzano goffamente la silhouette.
Chi ha un ginocchio tornito, eviti modelli che possano metterlo in risalto, chi ancora non ha caviglie da gazzella, abbandoni l’idea del polacchino.
LE PROPOSTE DEGLI STILISTI

Steffie Christiaens, collezione primavera estate 2012.

Naturalmente stilisti e creativi non sono stati con le mani in mano: vetrine e passerelle pullulano di proposte stivalate.
Karma of Charme, un cult per le amanti del genere indiano, propone stivali in colori accesi e vivacizzati da borchie e cristalli. Classici al ginocchio e con le frange, oppure a metà polpaccio, sempre con l’immancabile e riconoscibile placca sul tallone.
Linee Anni ’70 per quelli di Chanel disegnati da Karl Lagerfeld: sono stivaletti alla caviglia color argento metallizzato, da portare con il completo e le perle bon ton, il vestito o il bikini. Da grintosa biker quelli di Ash, al polpaccio o alla caviglia, con suole importanti, pelle effetto used e borchie.
Twin-Set, invece, rivisita il boot classico addolcendolo con cuoricini traforati e, per il modello più basso, impiega cinghie chiuse da un cuore sulla caviglia.
Superattillati come una seconda pelle quelli di Vanessa Bruno: a  metà polpaccio e spuntati. Apertura sul davanti anche per Burberry, di pelle intrecciata. Custo Barcelona li arricchisce di dettagli optical oltre a slanciarli su tacchi altissimi.
Suole sagomate per un effetto tatuaggio quelli di Jean Paul Gaultier, country chic i camperos di Marc Jacobs con tacco alto e metallizzato da portare con il trench.
Stefanel e Marlboro Classics mantengono linee pulite per accompagnare un jeans o dare carattere a un vestito.

Ugg, collezione primavera estate 2012.

Steffie Christiaens con un tronchetto di design dà un’aria metropolitana al costume intero e conferisce stravaganza all’abito lungo nero. Dall’Australia gli UgG, dopo aver scaldato l’inverno con lana e camoscio, si vestono di tessuto rosa e denim.
Non resta che scegliere. Date un occhio alla gallery di ModaInforma.it.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Accessori, Fashion, Foto, Gallery, Scarpe, Stile, Tendenza Argomenti: Data: 21-02-2012 01:09 PM


Lascia un Commento

*