UOMINI & PUBBLICITÀ

Meno muscoli più sguardi, please

di Enrico Matzeu
Da Prada a Dolce & Gabbana, quando il fascino degli attori ruba il lavoro ai modelli.

La campagna pubblicitaria di Prada moda Uomo A/I 2012-2013.

Prada lancia la nuova campagna per la linea uomo A/I 2013 e per farlo, come ormai è tradizione, ha scomodato i divi di Hollywood. Dopo averli fatti sfilare sulla passerella lo scorso gennaio, Miuccia li ha voluti anche per gli scatti destinati alle riviste patinate. Gary Oldman, Garrett Hedlund, Jamie Bell e Willem Dafoe sono stati immortalati con gli abiti dal profilo austero della nuova collezione, su uno sfondo rosso porpora. Non è la prima volta che la maison milanese sceglie il cinema per le sue pubblicità; già la primavera 2012 era stata appannaggio di Michael Pitt, personaggio dal fascino un po’ retrò. Attori  dunque, che con uno sguardo o un gesto riescono a interpretare  il mood della collezione, sostituendosi di fatto ai fisicati modelli professionisti.
LA TENDENZA: DAI PETTORALI ALLO SGUARDO
È questa la tendenza delle ultime campagne di molte maison italiane e non. Dolce & Gabbana, per esempio, dopo aver immortalato negli ultimi anni squadre di calcio o di rugby a petto nudo, ha scelto un parterre di attori italiani, da Francesco Scianna e Beppe Fiorello, per i suoi ultimi scatti all’insegna della sicilianità. Dior Homme ha optato per il fascino inglese di Jude Law per il suo profumo, mentre Hugo Boss quello del tedesco Thomas Kretschmann, mentre in controtendenza Donatella Versace, per il prossimo inverno è tornata a modelli dal sapore macho e deciso. Eccezioni a parte, sembra farsi avanti la propensione degli stilisti a voler rappresentare non solo l’estetica dell’uomo, ma anche la sua essenza, il suo profilo intellettuale, il suo spessore interiore. Abbandonando campagne provocatorie con addominali in vista e puntando decisamente più in alto. Allo sguardo, per esempio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*