Look parade a Cannes

Tappeto rosso, pardon rosa

di Enrico Matzeu
Alla serata inaugurale della 65esima edizione della kermesse cinematografica ha sfilato il lusso discreto. Banditi i colori accesi e i gioielli oversize. Per la gioia di Moretti.

L'attrice Jane Fonda in Atelier Versace.

«Né applausi, né festa», aveva raccomandato nei giorni scorsi il presidente Nanni Moretti ai giurati della 65esima edizone del Festival del Cinema di Cannes.
E così, ieri sera, mercoledì 16 maggio, per la serata di inaugurazione ha sfilato sulla Croisette l’eleganza vera e raffinata. Quella che non ha bisogno di dettagli stavaganti, gioielli abbaglianti, tessuti damascati e barocchi.
DONNE IN ROSA
Persino il colore protagonista è stato il rosa in tutte le sue sfumature, discreto e femminile.
Impeccabili le scelte della modella Eva Herzigova, in Dolce & Gabbana, e dell’attrice Eva Longoria, griffata Marchesa: la bionda e la mora hanno attraversato il red carpet avvolte in impalpabili abiti color cipria. La seconda non ha rinunciato a un lungo strascico.
Ha scelto un rosa pallido di Alexander McQueen, con sexy scollatura, Jessica Chastain.
Decisamente più acceso il rosa sfoggiato da Freida Pinto, in Michael Angel, mentre Fang Bingbing lo ha voluto soltanto per i ricami.
Ancora in rosa polvere, ma con lucenti riflessi bronzo e ramati, hanno sfilato Tilda Swinton Heider Ackerman, e Jane Fonda, (sempre bellissima), con un abito Atelier Versace.
Niente rosa, ma comunque di eleganza impareggiabile, per Diane Kruger, che si è mostrata avvolta in una nuvola in chiffon verde acqua firmato Giambattista Valli Haute Couture.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*